Cappellani militari, Comellini (pdm): 9.410.272 euro di spesa nel 2019 sono reali, il taglio sbandierato dalla Trenta è la fake news.

L’intesa sulla questione dei cappellani militari stipulata dal precedente governo Gentiloni e i rappresentanti della Chiesa dovrà essere sottoposta al vaglio del Parlamento quindi oggi la sola cosa certa sono i numeri della legge di bilancio che escludono categoricamente una riduzione rispetto al passato. Già da alcuni anni – ma la ministra sembra non saperlo – il numero dei cappellani militari è stato ridotto rispetto ai 204 previsti dalle “tabelle ordinative organiche”. Tuttavia la spesa per il pagamento degli stipendi dei preti soldato è rimasta sostanzialmente invariata rispetto al passato. Tra le ragioni di questa sostanziale costanza di spesa vanno considerati gli effetti dei provvedimenti del riordino delle carriere hanno determinato consistenti aumenti degli stipendi dei cappellani militari che, va ricordato, sono assimilati al rango di ufficiale delle forze armate, ne indossano i gradi da ufficiale/dirigente e ne percepiscono il relativo trattamento economico e accessorio tra cui gli straordinari (per dire la messa) e le indennità di missione, aeronavigazione e finanche, in alcuni casi, l’indennità di aviolancio e sede disagiata (per citarne alcune).
L’intesa stipulata, tanto sbandierata come svolta epocale garantisce alla casta dei preti-soldato il mantenimento di inaccettabili privilegi e si pone in netto contrasto con quella sicuramente molto meno onerosa per le casse dello Stato prevista dal D.P.R. n° 421 del 27 ottobre 1999 che recepisce l’intesa, anche questa prevista dal Concordato del 1984, che regola il servizio di assistenza spirituale dei cappellani della Polizia di Stato.
I numeri riportati nero su bianco nelle “Tabelle” allegate alla Legge di bilancio per il 2019 parlano chiaro: i cappellani militari costeranno ai contribuenti 9.410.272 euro. Quindi, a conti fatti, l’unica “fake news” è l’annunciato risparmio che qualche buontempone ha voluto suggerire alla Ministra Trenta.
Alla Ministra consiglio una attenta lettura degli atti parlamentari della XVI Legislatura. Da quando nel 2010, dopo l’entrata in vigore del decreto legislativo 66/2010 e d.P.R. 90/2010, chiesi ai parlamentare Radicale Maurizio Turco di portare all’attenzione del Parlamento la questione dei cappellani militari e dell’intesa mancante ma prevista espressamente dal Concordato del 1984, gli stipendi dei preti con le stellette ci sono costati circa 80 milioni di euro. A questa somma vanno aggiunti i rilevanti costi di mantenimento e funzionamento degli uffici e strutture della “diocesi dell’Ordinariato militare d’Italia” e delle pensioni dorate dei generali-preti.
La semplice domanda che si deve porre la ministra Trenta, ma anche il suo capo Di Maio, partendo dal principio che lo Stato è laico, è: a cosa servono realmente i cappellani militari quando vicino ad ogni caserma sorge una chiesa con il suo parroco stipendiato dal Vaticano? Se dobbiamo continuare a mantenere i cappellani militari per dare assistenza spirituale al personale delle forze armate di religione cattolica allora devono poter avere la medesima assistenza spirituale quelli di fede ebraica o mussulmana o di qualsiasi altra religione.

 

La Trenta inciampa sull’Ausiliaria. Un errore che costerà ai contribuenti 400 milioni di euro.

Finalmente, come riporta il quotidiano “La Repubblica” del 25 novembre scorso in un articolo pubblicato a pagina 23 dal titolo “L’indennità di ausiliaria ai militari sarà rivisitata, in considerazione della mancata risposta degli enti locali”, sembrerebbe che anche la ministra della Difesa, la capitana Elisabetta Trenta, si sia resa conto che l’Ausiliaria – cioè quella particolare posizione di stato in cui i militari vengono collocati a domanda per un periodo massimo di 5 anni quando cessano dal servizio effettivo e che, in cambio del pagamento di una indennità aggiuntiva, si impegnano a prestare servizio presso le altre pubbliche amministrazioni qualora gli venga richiesto – è un privilegio anacronistico e insostenibile per le casse dello Stato. Leggi tutto “La Trenta inciampa sull’Ausiliaria. Un errore che costerà ai contribuenti 400 milioni di euro.”

AERONAUTICA MILITARE, VACCINI, COMELLINI (PDM): SUBITO CHIAREZZA SULLE SOMMINISTRAZIONI

Occupandomi da anni delle problematiche relative alla tutela della salute del personale militare devo amaramente constatare che, purtroppo, i paradossi e quindi i rischi, sembrano essere ancora molti.
Dopo le libere interpretazioni delle norme sulla tutela della salute dei militari che ci hanno più volte regalato i vertici della Difesa con le loro “pillole di saggezza”, emerse chiaramente anche nel testo della relazione conclusiva dell’ultima Commissione parlamentare presieduta dal già deputato Gian Piero Scanu, nonché dai più volte ripetuti “#nulladanascondere”, oggi per l’ennesima volta sono costretto ad apprendere, con preoccupazione, di una cronica disinformazione degli ufficiali medici sulla corretta profilassi vaccinale dei nostri militari.
L’ultima segnalazione pervenutami questa mattina non è riferita né alla questione delle c.d. “acque di bordo” utilizzate sulle navi militari né a casi di militari ammalatisi a seguito del servizio prestato nei teatri operativi all’estero, riguarda il personale in forza presso l’Aeronautica Militare che sarebbe tenuto ad effettuare un’autoanamnesi vaccinale sostituendosi al medico militare responsabile della vaccinazione.
Sul tema vaccini, peraltro oggetto di indagine da parte della citata Commissione parlamentare presieduta dall’allora on. Scanu nel corso della XVII Legislatura, mi risulta che il maresciallo infermiere Emiliano Boi, in servizio presso la Marina Militare, abbia già da tempo segnalato ai propri superiori problematiche in merito alla non corretta prescrizione e somministrazione, senza ad oggi aver ricevuto alcuna risposta.
Auspico che almeno il ministro della difesa del Governo del cambiamento, Elisabetta Trenta, vorrà ascoltare quanto prima le preoccupazioni che, in tema di tutela della salute, mi giungono dai militari e che come me e il maresciallo Boi anche la titolare della Difesa abbia a cuore, con i fatti, la salute degli uomini e delle donne in divisa.

Finalmente ci siamo! Nasce il “Sindacato dei Militari”

Finalmente ci siamo! Nasce il “Sindacato dei Militari”. I vertici della difesa se ne facciano una ragione e si rendano immediatamente collaborativi e disponibili al confronto sui principali temi di interesse della categoria.

Domani, sabato 6 ottobre, a Roma, via di Torre Argentina n. 76 , 3° piano, dalle ore 10.00 alle 13.00, si svolgerà la riunione per la costituzione del “Sindacato dei Militari”. Leggi tutto “Finalmente ci siamo! Nasce il “Sindacato dei Militari””

Governo, Comellini (Pdm): salvate la capitana Trenta dall’assedio della casta dei generali

Il vice premier Di Maio intervenga immediatamente per salvare la capitana Elisabetta Trenta dall’assedio della casta dei generali e delle industrie belliche.

La ministra Trenta fin dal giorno del suo insediamento a Palazzo Baracchini non ha fatto altro che soddisfare le richieste dei vertici militari della Difesa smentendo così tutte le battaglie che i parlamentari del Movimento 5 stelle avevano fatto nel corso della precedente legislatura. Dai soldi distribuiti a pioggia alle associazioni combattentistiche e d’arma al mantenimento dei privilegi dei componenti i Consigli centrali della rappresentanza militare (cocer) per arrivare al mantenimento integrale del programma F35 e del beneficio del l’ausiliaria e i cappellani militari. 

La Trenta, in poco più di tre mesi da ministra, per eseguire gli ordini dei generali e ammiragli che l’assediano e soddisfarne la sete di soldi e potere, ha già confermato spese inutili per alcuni miliardi di euro. Soldi dei contribuenti che il suo capo Di Maio, fin dal 2015, avrebbe voluto utilizzare per realizzare l’ambizioso programma del cambiamento nel quale spiccava prepotentemente il reddito di cittadinanza.
Come se ciò non bastasse ora, col mantenimento dell’ausiliaria, oltre a spendere circa 400 milioni all’anno, toglierà ai giovani migliaia di posti di lavoro facendoli occupare da vecchi generali e colonnelli in pensione.
Se Di Maio non è capace di fermare l’assedio alla Trenta e quindi gli sprechi di denaro allora lo faccia Salvini.

Sui diritti sindacali dei militari il M5S ha le idee poco chiare oppure risponde ai desiderata dei vertici militari

Oggi il M5S ha diffuso un comunicato sulla questione dell’incostituzionalità del divieto per i militari di costituire associazioni di categoria a carattere sindacale che si conclude inaspettatamente con questa frase: «Ci auguriamo che si possa aprire quanto prima un dibattito parlamentare in grado di riprendere in mano l’iter che si era miseramente arenato nella scorsa legislatura e che si possa approvare la riforma della rappresentanza militare attesa da oltre vent’anni dal comparto». Leggi tutto “Sui diritti sindacali dei militari il M5S ha le idee poco chiare oppure risponde ai desiderata dei vertici militari”

DIFESA, PDM: FINALMENTE SONO UNA REALTA’ I DIRITTI SINDACALI TANTO TEMUTI DAI GENERALI E DAI SATRAPI DEL COCER

Finalmente i militari potranno esercitare i diritti sindacali e costituire le proprie associazioni di categoria al pari del personale delle forze di polizia.
Dopo anni di incessanti battaglie nelle aule parlamentari durante i quali ci siamo scontrati con servi e servitori dei generali, satrapi di ogni specie e pietitori di proroghe, professionisti della forfettaria (indennità di missione riservata ai soli delegati del Cocer), rivolgiamo un sentito ringraziamento ai Giudici della Corte che finalmente hanno cancellato quel perverso divieto che fino ad oggi ha costretto i più fedeli servitori della Patria nella condizione di minus habentes.
Un sentito ringraziamento va anche a quei militari che hanno portato avanti la loro battaglia di giustizia e legalità nelle sedi giurisdizionali e fino al cospetto della Consulta.
Ora i cittadini in divisa facciano un saggio uso di questo loro nuovo diritto a cominciare dal diffidare di tutti quei delegati della Rappresentanza militare che in questo ultimo decennio li hanno più volte calpestati svendendone i diritti, le carriere e la dignità economica per compiacere i vertici militari e la Ministra della difesa Roberta Pinotti che come esponente di un sedicente partito democratico ha fatto del suo meglio per negare e sopprimere ogni forma di dissenso o aspirazione sindacale.
Adesso la parola passa al legislatore a cui siamo pronti a dare la nostra chiarissima proposta di legge affinché anche per i militari valgano le regole che fin dal 1981 disciplinano le attività sindacali per il personale della Polizia di Stato.
Per concludere un affettuoso pensiero lo rivolgiamo ai tanti ex forestali e all’Associazione Unforced che nell’Arma dei carabinieri, nella quale sono stati costretti da una scellerata riforma, ora avranno il compito e il privilegio di insegnare i diritti e garantire ogni possibile forma di tutela sindacale ai loro colleghi dell’Arma che fino ad oggi sono stati alla merce del Cocer.

Lo dichiarano Luca Marco Comellini , Segretario del Partito per la tutela dei diritti di militari e forze di polizia (PDM) e Maurizio Turco, già deputato, membro della presidenza del Partito Radicale.

Facciamo chiarezza sulle “acque di bordo”: Il re è nudo.

In merito alla questione delle acque destinate al consumo umano a bordo della Nave Magnaghi l’ammiraglio Marzano ha fatto del suo meglio per dare la sua versione dei fatti. Versione che a mio avviso non solo è sicuramente incompleta ma è anche assolutamente carente dal punto di vista dell’interesse alla tutela offerta nel tempo (dal 2001 ad oggi) agli equipaggi che lo stesso alto ufficiale ha definito una priorità della forza armata. E la situazione sulle altre navi quale è? Leggi tutto “Facciamo chiarezza sulle “acque di bordo”: Il re è nudo.”

Aeronautica militare, Comellini (Pdm): Piena soddisfazione per assoluzione ex Capo stato maggiore Preziosa

Non mi ha assolutamente sorpreso la sentenza di assoluzione con la formula “perché il fatto non sussiste” pronunciata lo scorso lunedì 26 marzo dal Tribunale militare di Roma nei confronti del generale Pasquale Preziosa, ex capo di stato maggiore dell’Aeronautica militare, del generale Gianpaolo Miniscalco e del colonnello Antonio Di Lella. La teoria del complotto ai danni dell’altro generale della stessa forza armata, Carlo Magrassi, all’epoca dei fatti consigliere militare di Renzi e ora Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti, si è rivelata priva di ogni fondamento. Fin dall’inizio di questa triste vicenda sono sempre stato convinto dell’assoluta correttezza dell’azione di comando del generale Preziosa che nulla aveva fatto se non il proprio dovere.
Preziosa è stato la vittima eccellente di un sistema politico malato capace di manipolare fatti e persone e di piegare ai propri interessi e scopi la verità e la legge fino al punto di indurre in errore anche i componenti della Procura militare di Roma la cui competenza e ed esperienza sono ben noti.
Coloro che come me hanno avuto modo di seguire l’intero processo, durato quasi due anni, hanno potuto apprezzare il grande lavoro svolto dal Tribunale Militare di Roma, nell’occasione presieduto dal Giudice Elisabetta Tizzani, che con estrema perizia e competenza ha saputo condurre e portare a termine il difficile processo e ristabilire quella verità, il fatto non sussiste, che forse era già nota a tutti fin dalle prime udienze e che poi ha trovato ampie conferme nelle deposizioni di alcuni testimoni richiesti dalla Procura.
Adesso, alla luce di questa sentenza di piena assoluzione, sarà interessante capire gli sviluppi che potrebbero esserci nei prossimi mesi. Il generale Pasquale Preziosa sarà mio graditissimo ospite giovedì 29 marzo a Radio Radicale nell’ambito della trasmissione Cittadini in divisa che andrà in onda lunedì 2 aprile alle ore 23.00.